REPORT 2013-2014 Un anno in Senato

Il 15 marzo 2013 è iniziata la mia avventura in Parlamento. Un percorso difficile e accidentato, perché fondato su un risultato elettorale incerto, che non dava la maggioranza assoluta a nessun partito (perlomeno non in Senato) costringendo così ad alleanze innaturali.

Da lì è iniziata una storia di tentativi (ma anche di mancati tentativi: se a Bersani fosse stato permesso di presentarsi alle Camere col suo progetto di governo del cambiamento forse sarebbe andata in modo diverso) ed errori.

Da allora è passato un anno e si sono succeduti tre governi, ai quali ho dato la fiducia per rispetto delle decisioni assunte dal mio partito, ma con la convinzione che nei momenti cruciali il Pd non abbia preso sempre la decisione migliore.

Ad ogni modo quest’anno è stato denso di attività e di passione. Voglio dedicare questa newsletter a rendicontare un anno di iniziative parlamentari, per provare a restituire a chi legge il senso del mio impegno e le informazioni su quello che ho fatto, insieme al gruppo del Pd e con l’aiuto dei miei collaboratori, Marco Palillo e Anna Malservisi per onorare l’incarico che mi era stato affidato dai 4818 votanti che hanno scritto il mio nome sulla scheda in quel freddo 30 dicembre di primarie e dal milione di elettori che hanno scelto il Pd in Emilia Romagna il 24 e il 25 febbraio dello scorso anno.

Sergio Lo Giudice

DISEGNI DI LEGGE, INTERROGAZIONI, MOZIONI

Con il 97, 68% di presenze sono fra i  primi venti senatori per  indice di presenza in aula.

Sono componente della Commissione Giustizia e della Commissione Diritti Umani.

Qui un resoconto schematico della mia attività parlamentare:

Qui l’elenco completo dei miei atti.

Ho presentato 9 disegni di legge come primo firmatario, “Norme contro la discriminazione matrimoniale”“Istituzione della Giornata nazionale contro l’omofobia”“Norme contro le discriminazioni motivate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere”“Norme in materia di modificazione dell’attribuzione di sesso”“Introduzione dell’articolo 372-bis del codice penale, concernente il reato di depistaggio”“Semplificazione delle procedure per la liberazione anticipata”“Modifiche al codice civile in materia dei coniugi e cognome dei figli”“Modifica dell’art.2 del Testo unico delle disposizioni per l’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali di cui al DPR 30 giugno 1965, n. 1124, in materia di copertura assicurativa degli infortuni in itinere in caso di utilizzo di velocipedi”“Modifiche al codice civile in materia di assunzione della responsabilità genitoriale” e ho sottoscritto 88 disegni di legge come cofirmatario. Qui l’elenco.

Ho presentato 15 interrogazioni come primo firmatario su bullismo, discriminazioni, immigrazione, omofobia, carcere, assistenza sanitaria, uffici giudiziari, diritti LGBT, lavoro, scuola, e ho sottoscritto 62 tra interrogazioni o interpellanze proposte da altri colleghi. Qui l’elenco completo.

Ho anche sottoscritto 28 mozioni, fra cui voglio ricordare la n.57 sulla sospensione del programma di acquisto dei cacciabombardieri F35, purtroppo non approvata dall’aula; la n.144 contro gli stupri di guerra, approvata all’unanimità, su cui sono intervenuto in aula; la n. 118 sul superamento dei CIE e la n.169 sui diritti umani dei richiedenti asilo, non ancora discusse in aula.

In Commissione Giustizia, sono stato relatore del parere sul’Atto del Governo n°70 “Schema di decreto ministeriale concernente regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense”
INTERVENTI IN AULA

Sono intervenuto in aula in occasione del dibattito su provvedimenti provenienti dalla Commissione Giustizia di cui faccio parte (sovraffollamento carcerariocrimini di guerranormativa sulle droghediritti dei detenutireato di tortura), in occasione della relazione del ministro Cancellieri sullo stato della giustizia, e sull’equilibrio di genere nelle liste elettorali per le prossime europee.

Altre volte, sono intervenuto in fine seduta per sollevare temi che mi stavano a cuore: sulla Giornata internazionale contro l’omofobia, sulla Giornata mondiale del rifugiato, sui diritti dei bambini, sull’introduzione in Russia di una normativa antigay, sul suicidio di un giovane omosessuale. Qui sono elencati tutti i miei interventi in aula e nelle commissioni relativi a disegni di legge.

Qui i miei interventi durante le discussioni in aula.



COMMISSIONE DIRITTI UMANI

In Commissione Diritti Umani abbiamo lavorato soprattutto ad 
un’ampia indagine conoscitiva sui livelli e i meccanismi di tutela dei diritti umani vigenti in Italia e nella realtà internazionale. 

Su mia iniziativa abbiamo attivato due cicli di audizioni: uno sull’applicazione della strategia per i diritti Lgbt da parte del Dipartimento Pari Opportunità e dell’UNAR, con l’audizione del Viceministro Maria Cecilia Guerra; un altro sulla tutela dei diritti delle persone senza dimora, che ha già visto un primo incontro con Antonio Mumolo presidente dell’associazione Avvocato di strada, e proseguirà con le audizioni di Emergency e Caritas.

La commissione ha trattato diffusamente, fra l’altro, il tema dei CIE e del sovraffollamento carcerario, la condizione di rom e sinti, la situazione di rifugiati e richiedenti asilo in Italia, il cyber bullismo.

Abbiamo seguito direttamente il caso dell’espulsione di Alma Shalabayeva, che una delegazione della commissione si è recata a visitare in Kazakistan. Sono state approvate alcune risoluzioni sui diritti umani. Qui l’elenco completo 

COMMISSIONE GIUSTIZIA

In Commissione Giustizia sono in discussione alcuni importanti disegni di legge, come quelli su beni comuni, associazione mafiosa, omofobia,  coppie di fatto, riconoscimento giuridico delle coppie dello stesso sesso, divorzio breve, tribunale della famiglia, voto di scambio, amnistia e indulto, responsabilità civile dei magistrati.

Sono già stati licenziati per la discussione e il voto in aula questi provvedimenti.

La Commissione ha anche svolto alcune audizioni sullo stato delle carceri e  sulla magistratura onoraria oltre a due  incontri con il Ministro della Giustizia.

ATTI APPROVATI DAL SENATO

Per quanto riguarda l’attività in aula, il Senato ha approvato numerosi atti in via definitiva e in seconda lettura con modifiche. Qui l’elenco completo.

Trackback/Pingback

  1. payday loans online - Online Payday Loans Canada Cash Payday Loans In Toronto

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

css.php