SI VOTA

Domenica si vota. Il 5 giugno è la data unica per il rinnovo dei sindaci di tante importanti città italiane, fra cui Bologna. Io voterò con convinzione per Virginio Merola che ha ben governato e che per la prima volta romperà l'incantesimo per cui da più di trent'anni, cioè da quando nel 1995 fu introdotta l'elezione diretta dei sindaci, non riesce ad eleggere un primo cittadino per due mandati consecutivi, come  sarebbe nell'interesse della città.



Sono stato in consiglio comunale a Bologna per dieci anni cercando di lasciare alcuni segni nella direzione dei diritti di cittadine e cittadini: dall'istituzione del Garante dei detenuti, al Registro dei testamenti biologici, dall'Ufficio per le politiche delle differenze, all'Anagrafe pubblica degli eletti. Nella lista del Pd voterò i miei due candidati preferiti, Saverio Bui e Roberta Li Calzi. Credo che Roberta e Saverio siano le persone adatte a portare avanti quell'idea di città inclusiva che mi ha guidato in Comune. Qui invece trovi le candidate e i candidati che sostengo nei Quartieri di Bologna.

Il 5 giugno naturalmente non si vota solo a Bologna. Qui trovi le candidate e i candidati di ReteDem nelle città che andranno al voto.

 

UNIONI CIVILI. ECCO LA LEGGE 76

 

Intanto il Parlamento ha approvato la legge n.76 del 2016 sulle unioni civili e le convivenze di fatto, una vera rivoluzione nel diritto di famiglia italiano, pubblicata il 20 maggio scorso in Gazzetta ufficiale. Come ho scritto quel giorno, non abbiamo raggiunto la vetta dell'uguaglianza dei diritti ma abbiamo conquistato un'importante altura da cui sarà davvero difficile ricacciarci indietro. Da qui ripartirà la battaglia per la piena eguaglianza, che potrà aversi solo con l'accesso egualitario al matrimonio civile. Rimangono fuori i diritti dei bambini, ma a quello stanno pensando i tribunali italiani che continuano a riconoscere le adozioni da parte del secondo genitore. Lo ha fatto in tanti altri casi il tribunale dei Minori di Roma, lo ha fatto la Corte d'Appello di Torino e attendiamo di conoscere la sentenza della Corte di Cassazione, riunitasi il 26 maggio scorso, sul primo caso romano.

 

DAL PALAZZO

 

Nel mese di maggio ho depositato tre disegni di legge a mia prima firma​: il ddl 2399 sulla depenalizzazione del consumo di sostanze stupefacenti, le misure alternative alla detenzione e i programmi di riduzione del danno, il ddl 2401 sulla modifica delle norme sulla custodia cautelare in carcere delle donne madri o in gravidanza e infine il disegno di legge 2402 contro le terapie riparative che pretendono di "guarire" dall'omosessualità.



Ho anche sottoscritto il ddl a prima firma Cantini 2253 ​sulla soppressione dell'obbligo di fedeltà nel matrimonio e il ddl 2266 Angioni per la regolamentazione della figura del caregiver familiare​.​



Sono stato nominato relatore del disegno di legge del governo 2223 sul contrasto al terrorismo internazionale ​e  del disegno di legge 1628, già approvato dalla camera, sulla trasmissione del cognome della madre.



Finalmente il senato ha approvato il disegno di legge sul reato di depistaggio, unificando il testo approvato dalla Ca​m​era e un disegno di legge a mia prima firma​.



Ho sottoscritto le interrogazioni Valdinosi sul servizio postale nazionale, Verducci sulla protezione internazionale per i profughi e D'Adda sui percorsi di istruzione e formazione professionale che riguardano  la figura di operatore alla riparazione di veicoli a motore​ .​



Per conto della Commissione diritti umani sono stato in visita ai campi profughi di Idomeni e dintorni al confine greco-macedone.

 

INTERVENTI

 

25 aprile, il mio intervento alla cerimonia di Sasso Marconi

Negazionismo e legge Reale/Mancino, il mio intervento in aula

Reato di tortura, ne ho parlato su GR Parlamento

Negazionismo e legge Reale/Mancino, il mio intervento in aula

Le mie interviste nel giorno dell'approvazione della legge sulle Unioni civili

Coppie di fatto e unioni civili, confronto tra esponenti della politica, della magistratura ed avvocatura"

Ho partecipato anche quest'anno alla manifestazione nazionale dei Rom e Sinti.

Giornata Internazionale contro l’omofobia. Il mio intervento in Senato.

css.php